Le furberie tardive utili per fare denuncia

Da messaggio privato. La mia è una storia probabilmente unica, dato che sono una donna. E comunque non posso raccontarla in dettaglio, verrei subito riconosciuta e passerei ancora più guai di quelli che ho avuto. Giusto per dire… Il 13 marzo scorso scopro, dopo quattro anni di convivenza, che lui ha una tresca con una ragazzina. Ovviamente ci lasciamo e me ne vado di casa. D’altra parte era sua e io ero l’ospite. Da quel giorno non gli faccio una telefonata e non gli mando nemmeno un messaggio. Ci scambiamo solo qualche email parecchio incazzata per la gestione di alcune cose, mobili, oggetti in comune, eccetera. Premetto che è ricco da far schifo, con un sacco di vizietti che è meglio non dire. Delle mie cose non sa sicuramente cosa farsene.

Il 12 aprile (praticamente un mese dopo) vedo che ha cambiato numero di telefono. Pochi giorni dopo mi chiamano in Questura per dirmi che sono indagata per stalking. Il “dottore” si sente in ansia per causa mia, e lo dimostra il fatto che ha cambiato numero di telefono e tragitto per andare al lavoro, oltre che un certificato di un medico. Faccio presente che da un mese non lo chiamo né gli mando messaggi, e che le email erano tutte arrabbiate sì, ma da entrambe le parti, lui rispondeva, e comunque parlavano di questioni organizzative della separazione, delle mie cose. Soprattutto faccio presente che cambiare numero un mese dopo è evidente che è una tattica per risultare in ansia secondo i “termini di legge”. La Questura non tiene conto di quello che dico (e anche dell’evidenza delle cose), e vado a processo. Finisce con una condanna piccola, ma sempre condanna.

Io non sono e non sarò mai una stalker, non ho fatto nulla di male, ma intanto sono “segnata”. Lui invece, oltre a uscirne pulito, ha anche la sua vendetta e la certezza che se apro bocca su certe sue “abitudini” rischio di finire peggio. Eppure ne avrei da dire, anche come denuncia alla Polizia. Ma in quanto sua stalker non mi crederebbero mai, nemmeno davanti a delle prove. Questa legge è una vergogna.


ABBIGLIAMENTO GRIFFATO “LA FIONDA”

Magliette, canotte, felpe uomo/donna, più svariati gadget
con immagini ispirate ai temi e all’impegno de “La Fionda”.

Per distinguersi dal pensiero unico e dalla massa.

Clicca qui per il negozio online.

rosa nostra maglietta
padre e figlio maglietta
normalità maglietta
famiglia maglietta
uscITA maglietta
cambiare realtà maglietta
privilegio maschile maglietta
io non dimentico maglietta
vaccinato ammalato morto maglietta
professionisti dell'informazione maglietta
la violenza non ha sesso maglietta
sorella non ti credo maglietta
non mi sento in colpa maglietta
ignoranza maglietta
non mi sento in colpa maglietta
complessità maglietta
vittimismo maglietta
OBBEDIENZA MAGLIETTA
coraggio maglietta
nascita maglietta
coraggio contagioso
tribunale dei minori maglietta
coraggio contagioso
noia maglietta
influencer maglietta
prodotto maglietta
fact checker maglietta
autopercezione maglietta
donna non femminista maglietta
ribellione maglietta
vaccino media maglietta
2
padrefiglio
normalità
famiglia
uscITA
cambiarealta
privileg
ionondimentico
vacmalmor
professionistinformazione
3
4
5.1
ignoranza
5.2
complessità
vittim
virtu
coraggiobbedienza
nasce
coraggiocontagioso
tribmin
coraggiocontagioso
noia
influencer
gratis
fact
autoperc
donnanonfemminista
ribellarsi
vaccinomedia
previous arrow
next arrow


 

Print Friendly, PDF & Email


Condividi