In Corte d'Appello: la donna laureata non può fare lavori manuali

Secondo la Corte d'Appello di Trieste, una donna laureata (e separata) non può accettare lavori "umili". La Cassazione stronca la sentenza.