Un epigramma domenicale sul femminismo

di Davide Stasi.

I “conquistadores” dicevano di voler evangelizzare gli Indios, mentre li massacravano.

I musulmani e l’Inquisizione cattolica dicevano di agire per la “vera fede”, mentre facevano strage degli “infedeli” e degli “eretici”.

I rivoluzionari francesi dicevano di battersi per i diritti del popolo, mentre istituivano uno stato di sangue e terrore.

I coloni europei dicevano di voler esportare la civiltà, mentre decimavano popolazioni indigene derubandole di ogni risorsa.

I sovietici dicevano di battersi per i diritti e il benessere del proletariato, mentre deportavano e fucilavano milioni di persone.

I nazisti dicevano di agire per la purezza della razza ariana e per dare spazio vitale ai tedeschi, mentre innescavano una guerra mondiale e sterminavano milioni di esseri umani.

Le potenze occidentali hanno organizzato “missioni di pace”, mentre militarizzavano il Medio-Oriente, si appropriavano delle sue risorse, portando guerra e morte.

Il femminismo dice di battersi per la parità di diritti e doveri tra uomini e donne.

L’ideologia gender-queer dice di battersi contro le discriminazioni e per l’inclusività.

Print Friendly, PDF & Email


Condividi


Read Previous

Oriana Fallaci, parzialità, acriticità e mancanza di empatia (2)

Read Next

Soldi pubblici per il debito della Casa delle Donne? La Camera dica no!