Nonna Rosaria seppellisce anni di odio antimaschile

Abbiamo tutti presente il delitto commesso a Mascalucia (CT), dove una giovane madre, Martina Patti, ha ucciso la propria figlia di cinque anni, Elena Del Pozzo, accoltellandola al collo e alla schiena. Inizialmente la donna aveva cercato di coprire il proprio gesto addossando la colpa a presunti aggressori (secondo la zia della bambina, in un tentativo di incastrare l'ex compagno), ma in breve, interrogata dagli inquirenti, è crollata e ha ammesso la colpa. In una prima conferenza stampa i Carabinieri hanno ipotizzato, probabilmente traendo le impressioni proprio dall'interrogatorio della donna, che il gesto fosse motivato dalla gelosia verso l'ex compagno, ora fidanzato con un'altra donna, e dalla paura che Elena le si affezionasse. Come ampiamente prevedibile, molti media accorrono a cercare scusanti e attenuanti per la figlicida e lei stessa, probabilmente su suggerimento del suo avvocato, ha già imboccato l'usuale strada dell'incapacità di intendere e di volere (naturalmente "temporanea"): «era come se qualcuno si fosse impossessato di me», dichiara oggi l'assassina. Saranno i giudici e i periti a decidere se questo tipo di squilibrio è credibile o no.

Noi per parte nostra crediamo di no. La nostra è un'opinione corroborata dal racconto che dell'intero scenario fa ai giornalisti Rosaria Testa, la nonna paterna della piccola Elena. La sua testimonianza è stata meritoriamente raccolta dai giornalisti di "Local Team". Ci siamo permessi di scaricare e salvare il video (che ripubblichiamo qua sotto), perché ci aspettiamo che venga fatto sparire in fretta dalla rete, data l'estrema scomodità dei suoi contenuti. Spendete sei minuti del vostro tempo e ascoltate nonna Rosaria, ascoltatela molto attentamente. Nelle sue parole, impregnate di dolore composto, c'è in sintesi tutto ciò che noi denunciamo da anni: un ricatto precedente attuato dall'assassina con una falsa denuncia, una donna violenta per motivi passionali o di gelosia o di incapacità di accettare la fine di una relazione, l'indegno trattamento che subiscono gli uomini e padri in fase di separazione, i privilegi femminili presso l'amministrazione giudiziaria nazionale... Tutto è contenuto nel resoconto di nonna Rosaria, per filo e per segno. Il tutto compendiabile in un concetto semplice e autoevidente: la violenza non ha sesso. Concetto violentemente negato per anni, in un'ottica di forzosa colpevolizzazione della componente maschile della società.

Rivolgiamo un pensiero e una preghiera per la piccola Elena e dedichiamo un forte abbraccio virtuale al suo papà e alla sua famiglia. Con un grazie speciale a nonna Rosaria, per aver dato così bene voce alla verità.


ABBIGLIAMENTO GRIFFATO "LA FIONDA"

Magliette, canotte, felpe uomo/donna, più svariati gadget
con immagini ispirate ai temi e all'impegno de "La Fionda".

Per distinguersi dal pensiero unico e dalla massa.

Clicca qui per il negozio online.

normalità maglietta
privilegio maschile maglietta
famiglia maglietta
rosa nostra maglietta
la violenza non ha sesso maglietta
sorella non ti credo maglietta
non mi sento in colpa maglietta
non mi sento in colpa maglietta
vittimismo maglietta
OBBEDIENZA MAGLIETTA
nascita maglietta
influencer maglietta
prodotto maglietta
fact checker maglietta
autopercezione maglietta
normalità
privileg
famiglia
2
3
4
5.1
5.2
vittim
virtu
nasce
influencer
gratis
fact
autoperc
previous arrow
next arrow


 

Print Friendly, PDF & Email


Condividi