Tag: giudizio

Barbieland e Judenland (3)

Barbieland e Judenland (3)

«Le donne [le Barbie] possono essere chiunque vogliano e questo si riflette sulla vita delle bambine di oggi nel mondo reale. Le bambine diventano donne che possono raggiungere qualsiasi obiettivo si mettano in testa», proclama

Barbieland e Judenland (2)

Barbieland e Judenland (2)

«Barbie fa la predica, odia gli uomini ed è una bugia da zombie», dichiara Bill Maher, noto comico e conduttore televisivo americano. Nel merito di cosa intenda con «bugia da zombie», sostiene che è «qualcosa

“Sindrome della donna percossa”: il doppio standard è garantito

“Sindrome della donna percossa”: il doppio standard è garantito

[su_table][responsivevoice_button voice="Italian Female" buttontext="Ascolta l'articolo"][/su_table] Titolo: «Ha ucciso il marito, sei anni di carcere. La Cassazione: troppo, fu provocata». Sottotitolo: «Colpevole di omicidio preterintenzionale motivando la pena ridotta con la “sindrome della donna percossa”» (da

Il femminismo d’affari bussa alla porta della magistratura. Che però non apre

Il femminismo d’affari bussa alla porta della magistratura. Che però non apre

[su_table][responsivevoice_button voice="Italian Female" buttontext="Ascolta l'articolo"][/su_table] Ci siamo sbagliati e pure di grosso. Venerdì scorso abbiamo dato per scontato che la presentazione del "Rapporto sulla violenza di genere e domestica nella realtà giudiziaria" da parte della

Caso Martina Rossi: una sentenza compromissoria e ideologica

Caso Martina Rossi: una sentenza compromissoria e ideologica

[su_table][responsivevoice_button voice="Italian Female" buttontext="Ascolta l'articolo"][/su_table] Dice: alla fine giustizia è fatta. Giustizia? Ne siamo proprio sicuri? A noi non pare. La vicenda della povera Martina Rossi si trascina da dieci anni, da quando la giovane

Una giustizia gravemente malata. Anche di femminismo

Una giustizia gravemente malata. Anche di femminismo

[su_table][responsivevoice_button voice="Italian Female" buttontext="Ascolta l'articolo"][/su_table] Il settore giustizia è in subbuglio. A turbarla, oltre alla spada di Damocle del caso Palamara (a proposito: leggete "Il sistema", intervista di Sallusti a Palamara: è il miglior libro

I media e il web ora hanno le mani sporche di sangue

I media e il web ora hanno le mani sporche di sangue

[su_table][responsivevoice_button voice="Italian Female" buttontext="Ascolta l'articolo"][/su_table] Stamattina Fabio Nestola ci ha parlato dell'esistenza di una Direttiva europea (la 2016/343/UE) che dovrebbe tutelare tutti noi dal venire condannati sui media prima che un giudice, al termine di

Ce lo chiede l’Europa. Ma solo quando fa comodo.

Ce lo chiede l’Europa. Ma solo quando fa comodo.

[su_table][responsivevoice_button voice="Italian Female" buttontext="Ascolta l'articolo"][/su_table] Europa a corrente alternata. O meglio, talvolta bisogna obbedire perché “ce lo chiede l’Europa”, altre volte l’Europa può chiedere quello che vuole tanto l’Italia si gira dall’altra parte. Respinto dalla commissione