Uomini vittime di stupro: le verità nascoste (2)

Di seguito sottopongo alla vostra attenzione alcuni estratti che ho tradotto dall'articolo scritto da David Hutt pubblicato il 6 novembre 2015 nel Southeast Asia Globe e intitolato “Gli uomini dimenticati”. L'articolo parla degli abusi sessuali sugli uomini in Cambogia. I concetti chiave dell'articolo sono l'invisibilità delle vittime maschili di stupro, le infauste conseguenze individuali e sociali sulle vittime e l'indifferenza della maggior parte delle ONG, i mezzi stampa e le organizzazioni internazionali, in primis l'ONU, verso questa problematica.


Un numero enorme di uomini viene stuprato in Cambogia. Perché allora questi orribili crimini sono ampiamente ignorati dalle organizzazioni per i diritti umani e dai media? (…) L'attacco è avvenuto più di dieci anni fa. Un giovane con i capelli lunghi era a un ballo cerimoniale in una piccola città cambogiana quando cinque uomini lo trascinarono in un luogo vicino. Picchiato e insanguinato, è stato poi brutalmente stuprato dal gruppo. Quando finirono, gli inserirono una bottiglia di Coca Cola nell'ano e la ritirarono con forza, lacerandogli il retto. Poi lo lasciarono morire dissanguato. (...) Nel 2008, Alastair Hilton, che all'epoca lavorava come consulente per il lavoro sociale, scrisse un rapporto scioccante intitolato: “Non avrei mai pensato che questo potesse capitare ai ragazzi” (I Thought It Could Never Happen To Boys). Fu il primo articolo di ricerca a concentrarsi esclusivamente sui maschi vittime di abusi sessuali in Cambogia. Il fatale stupro di gruppo era soltanto uno tra i tanti incidenti documentati: giovani ragazzi costretti a masturbarsi dai monaci nelle pagode; motociclisti che pagavano 1.000 riel cambogiani (0,25 dollari) per il sesso orale; bambini per strada picchiati violentemente fino a sottomettersi al sesso anale (…). Collezionare queste storie non fu facile. Hilton spiega che l'abuso sessuale maschile in Cambogia rimane ampiamente ignorato, messo in discussione da molti e negato sia dagli autori del reato che dalle vittime, per i quali c'è molto da perdere se parlano. (…) La vittima, inoltre, rischia di essere abbandonata da chi le è vicino; insegnanti, familiari e amici potrebbero deriderlo e i genitori potrebbero rifiutare di fargli sposare le loro figlie. La vittima può anche essere stata infetta da HIV. Senza supporto, molti iniziano a soffrire di problemi di salute mentale, si rivolgono alle droghe come un modo per andare avanti o vedono la violenza come un mezzo per liberare il loro dolore. Per altri, la vita potrebbe essere diventata troppo asfissiante per poter essere vissuta. (…)

In una conferenza a maggio, Samleang Seila, direttore di Action Pour Les Enfants (APLE), dichiarò che dei 650 casi di abusi sessuali che l'ONG locale per i diritti dei bambini si era presi cura, il 53% delle vittime era di sesso maschile, di età compresa tra i 7 e i 17 anni. Nel 2013, un'indagine nazionale condotta dall'UNICEF e dal governo cambogiano rivelò che il 5,6% dei maschi di età compresa tra i 18 e i 24 anni aveva riferito di aver subito abusi sessuali prima dei 18 anni, rispetto ai 4,4% delle femmine. Malgrado questa evidenza, Hilton sostiene che solo una manciata di ONG nel paese stanno facendo qualcosa per le vittime di sesso maschile (...) le altre ONG, compresi i programmi delle Nazioni Unite, li ignorano e raramente parlano di uomini vittime di abusi sessuali, concentrando i loro sforzi esclusivamente sulle donne. "Se si accumulassero tutte le indagini sulle donne vittime di abusi sessuali in Cambogia, la pila raggiungerebbe il soffitto, ma sulle vittime maschili ci sarebbero solo alcuni fogli di carta sparsi sul pavimento", dice. (...). "Con le Nazioni Unite in particolare, è incredibilmente difficile convincerli a prestare attenzione ai bisogni degli uomini", dice Davis. “Per loro, la vulnerabilità riguarda solo le donne. E quando realizzano ricerche e altre iniziative per la protezione di ʻdonne e bambiniʼ, in pratica, di solito intendono donne e bambine ...” (…) Un esempio specifico è il rapporto delle Nazioni Unite del 2013 intitolato "Perché alcuni uomini usano la violenza contro le donne e come possiamo prevenirla?" (Why Do Some Men Use Violence Against Women and How Can We Prevent It?) (...). Solo 229 parole del rapporto di 107 pagine menzionavano uomini che abusavano altri uomini, con il 3% dei cambogiani intervistati che lo ammette. La questione delle donne che abusano sessualmente uomini non fu nemmeno considerata. Hilton ricorda un incidente di tre anni fa in una conferenza organizzata dall'Unicef. Dopo aver ascoltato i rapporti sull'elevata prevalenza di abusi sessuali sugli uomini a livello globale, un esperto delle Nazioni Unite di Washington dichiarò: "Forse sono solo ragazzi che scherzano un po' ". A un altro evento, un partecipante esclamò: "Non aspettarti che mi dispiaccia per gli uomini". (...)

stupro maschile

Vittime viste come esseri umani e non solo identificate dal loro sesso.

Quello che Hilton e Davis credono sia successo è che una narrativa molto controversa è stata promossa e accettata. Questa sostiene che gli uomini sono "aggressori" e le donne "vittime", che le donne hanno maggiori probabilità di subire abusi rispetto agli uomini e che anche quando le vittime sono gli uomini, gli abusi sono meno gravi perché possono probabilmente superarli meglio delle donne (…). Hilton sospetta che il denaro possa essere uno dei motivi [della passività delle ONG]. La logica è questa: la comunità internazionale vede le informazioni sugli uomini abusati come una minaccia alle risorse finanziarie esistenti, poiché ciò priverebbe le donne di parte dei loro fondi già insufficienti. (…) Aggiunge che trovare finanziamenti per le ONG che s'occupano delle vittime di sesso maschile è "quasi impossibile". Quando lavorava per un'organizzazione simile nel Regno Unito, dice che erano sponsorizzati da un fondo per "cause impopolari", con il risultato che gli abusi sessuali maschili venivano classificati accanto alla lebbra. (…) Un altro motivo potrebbe essere la narrazione dominante. (…) "la politica del femminismo e il modo in cui viene interpretata spesso impediscono alle persone di concepire gli uomini come qualcosa al di fuori del ruolo di aggressori... Le politiche di genere degli anni '70, '80 e '90 sono diventate politiche di assistenza sociale che escludono metà della popolazione e ciò è diventato la narrativa dominante ". (…)  Theresa de Langis non è d'accordo. Lei è una specialista dei diritti umani delle donne nei conflitti armati e nelle situazioni del dopoguerra, nonché investigatrice principale del Cambodian Women's Oral History Project. Lei sostiene (…) che anche quando le vittime sono uomini, spesso anche gli autori sono uomini. "Pertanto rimane nel quadro delle relazioni di potere tra i sessi e della mascolinità violenta che hanno come obiettivo 'femminilizzare' la vittima o farla sentire senza potere".

"E cosa succede quando l'aggressore è una donna?", ho chiesto. Nello studio di Davis del 2014 sullo sfruttamento sessuale dei bambini di strada a Sihanoukville, Yo Quiero Ser Valiente (I Want To Be Brave), un ragazzo disse che la sua prima esperienza sessuale era stata all'età di 3 anni e, come in molti altri casi, era con una donna adulta. “Quando l'aggressore è una donna”, afferma De Langis, “spesso cerca di assumere ruoli culturali maschili all'interno di una società patriarcale. È importante capire che la violenza sessuale contro donne e uomini ha cause e impatti diversi". Hilton, al contrario, sostiene che l'affermazione di De Langis significa essenzialmente che "le donne non possono essere autrici di abusi a pieno titolo". Fornisce come esempio tramite email il link a un articolo d'opinione sul quotidiano The Independent scritto su una donna di 21 anni che era stata rilasciata dalla prigione da un tribunale del Regno Unito dopo essere stata giudicata colpevole di aver fatto sesso con un ragazzo di 11 anni. Il giudice dichiarò il ragazzo "maturo" per la sua età e la donna "immatura". (…) "Quando devi ascoltare storie di uomini e ragazzi che vengono violentati ogni giorno, desideri solo che le persone lo prendano più seriamente, più rapidamente", dice Hilton. "Forse in futuro, le vittime di abusi sessuali saranno viste come esseri umani e individui, e non solo identificate dal loro sesso".

Print Friendly, PDF & Email


Condividi